UN POPOLO DI BAGNINI, AVVOCATI, PIZZAIOLI E… ARTISTI DA RIBALTA NAZIONALE

Largo Porto Giulio nel primo pomeriggio.

Qual è la Porto Recanati che abbiamo in testa? Quella del futuro la stanno esplorando, un po’ a tastoni, i nostri 100 candidati alle Comunali di domenica 5 giugno (si vota dalle 7 alle 23). Dopo la politica dei “missili” e delle “grandi opere”, ma soprattutto dopo la sentenza del Consiglio di Stato del 6 aprile scorso sul Burchio, è tutto un parlare di “ambiente”, “ristrutturazioni”, “cultura”. Prendiamo la cultura, ecco. In questi giorni si svolgono le celebrazioni per i 2200 anni di Potentia. Presto avremo quelle della Madonna del mare. Ma la cultura, a Porto Recanati, è solo ricordo, celebrazione, tradizioni? Forse, chissà. Siamo abituati a pensarci come una cittadina vivace: il passeggio la domenica, i bar in piazza e i pub in centro, le pizzerie, i balneari che riportano luce e calore anche la sera, da un paio di weekend. E poi banche, medici, avvocati. Un tot di gente che la mattina prende il treno e se ne va a Fabriano, Civitanova, Ancona, a studiare e/o sbarcare il lunario. Ma cultura ne facciamo? Talenti ne abbiamo? O siamo un popolo di impiegati, baristi e professionisti che la cultura la tengono come “vizio”, arredo da salotto, capriccio del tempo libero?

Per illuminare la questione stiamo facendo un piccolo giro di orizzonte, che per questa domenica parte da due fatti. Avete presente lo spot che lancia la programmazione Rai per gli Europei di Francia? Bene, l’ha girato Fabio Breccia, 38 anni, di Porto Recanati. Che è anche il supervisore degli spot sulle Olimpiadi di Rio, nonché regista della maggior parte delle clip. E su La lettura del Corriere della Sera di oggi, domenica 29 maggio, che cosa troviamo? Un Aristotele sontuosamente illustrato da Hernàn Chavar, 37 anni, di Porto Recanati. In che modo Porto Recanati asseconda questi talenti? Nessuno in particolare. Li conoscono in pochi, questi signori, e loro stessi frequentano altre situazioni. Breccia vive a Roma, Chavar – che è di origine argentina – nella sua Sammarì, ma frequenta Vasto, Bologna, saltuariamente Macerata: situazioni in cui potere esporre, frequentare altri artisti, ricevere commissioni. Breccia lo abbiamo intervistato e leggerete presto una sua proposta alla città di Porto Recanati. Chavàr lo sentiremo presto. In ogni caso, forse, dovremmo pensare che Porto Recanati non è solo spiaggia (peraltro sempre più corta) e brodetto (peraltro state attenti alle sòle…). Ma è molto di più.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...