INSIEME ALLA GENTE: “SENTINELLI”,VOLONTARIATO E CORSI DI INGLESE “PER TUTTI”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Proviamo a darvi conto della ridda di appuntamenti politici che si svolge in questi giorni. Ieri pomeriggio in sala Biagetti si è presentata alla stampa la lista Insieme alla Gente di Roberto Mozzicafreddo, presenti una 35 persone. In serata c’erano quelli del Movimento Cinque Stelle con Sauro Pigini, stesso posto, ma si trattava di una presentazione al pubblico, e pure l’orario deve avere agevolato la presenza di circa 80 persone (presto la cronaca). Per domenica alle 18, alla Palestra Diaz in corso Matteotti, è attesa la presentazione della lista Uniti per Porto Recanati, con il candidato sindaco Loredana Zoppi.

Con eleganza e un tono tra il soffuso e l’eloquente Roberto Mozzicafreddo ci ha fatto nel succo una buona impressione. L’ingegnere ha vantato di annoverare 7 ex amministratori nella sua lista. E ha parlato della necessità di ridare speranza alla città dopo un periodo un po’ fosco. Speranza che si riaccende, dice, attingendo all’esperienza amministrativa del quindicennio 1999-2014.

Ci permettiamo una parafrasi fedele il più possibile dei concetti chiave:

La questione del porto si pone dal 1200, la gente viene in città e si domanda dove sia. Il ridosso di Scossicci – per i giornali la darsena – è nel piano delle opere del Comune dal 2012, sarà complesso ma bisogna provare a realizzarla, anche con l’intervento di più soggetti”.
“Ci piace l’idea di destinare a darsena anche gli attuali laghetti in zona pineta Volpini“.
“Vogliamo attirare turisti stranieri per studiare l’italiano in una struttura di Porto Recanati“.
Kite surf, surf e kayak sono sport giovani che vanno incentivati. L’evento dello Street food nel quartiere Europa si è rivelato piacevole, vorremmo riprenderlo anche per promuovere le zone esterne della città”.
“La concessione balneare della Piccola pesca, varata dalla scorsa amministrazione, ci è piaciuta. In quel posto si vende pesce direttamente dalla barca, bilancina, sacchetto e via: è una cosa da incentivare, sempre nella piena legalità”.


“Vogliamo stimolare l’artigianato. Chiaro che non posso far mettere un meccanico di moto su corso Matteotti. Bisogna però dare impulso a tutto ciò che è nel rispetto della legge e dell’ambiente, per sfruttare la ricaduta occupazionale”.
“Vogliamo creare un’anagrafe sociale, per fare un’analisi delle diverse situazioni in essere in città a livello di problematiche sociali”.
Volontariato: senza non si può fare. Vogliamo varare progetti educativi e di assistenza, con le scuole, l’Oratorio salesiano, l’Oratorio Arcobaleno, la Caritas. Faremo anche corsi di formazione per genitori ed educatori”.
“La nostra chicca è la Casa degli artisti. Ci sono tanti talenti a Porto Recanati, vogliamo destinare a loro parte del piano terra della Scuola Diaz”.

Alla fine abbiamo avuto un paio di botta-risposta con Mozzicafreddo.

D) Volete far rivivere Kursaal, Diaz e capannone Nervi, in più nel programma proponete la “diminuzione degli oneri di urbanizzazione, la diminuzione di occupazione di suolo pubblico, e l’esenzione dell’ICI per 5 anni” in centro storico. Come finanziate tutto ciò?
R) Cercheremo dei finanziamenti europei, e metteremo in piedi un ufficio apposta. Valuteremo proposte di privati, proporzioneremo il costo-beneficio pubblico/privato e poi metteremo in piedi il progetto. Deve prevalere il bene pubblico sul privato. Per l’Ici, se ci sono case che pagano un’Ici limitata per il tipo di abitazione, mettendone tre insieme per farci, ad esempio, un hotel meublè, noi faremo pagare lo stesso importo complessivo di prima, senza perdite di bilancio, ma neppure aggravi per il privato.

D) Per il commercio dite di voler limitare i mercatini di food in centro, per non fare concorrenza alle stesse attività locali, ma che proponete per incentivare l’accesso ai negozi. Vi sfagiola la vecchia idea montaliana di un centro commerciale naturale, con tessera a punti cumulabile con spese nel circuito dei commercianti associati?
R)
Una cosa così non la può organizzare l’amministrazione. Noi diciamo: vi diamo una mano per l’organizzazione, ma alla fine la parte vostra la dovete fare.
R2) (Prende la parola il candidato Roberto Sampaolesi) Un centro commerciale naturale dovrebbe partire dalla copertura dei marciapiedi del corso, così da usufruirne anche in caso di maltempo. Anche qui potremmo reperire dei fondi europei: sarebbe una chicca a livello regionale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Marchebbellezze:
1) “L’organizzazione di corsi e workshop di lingua parlata (inglese, Francese, tedesco..), in collaborazione con commercianti, operatori del mare, Albergatori“. Ogni anglofono che incontriamo in città d’estate ci loda e si commuove perché spiccichiamo 4 parole in inglese: di queste iniziative abbiamo bisogno come del PANE. Anzi, sarebbe proprio PANE.
2) Se la Casa degli Artisti vuol dire un atelier/coworking per i fumettisti, illustratori, musicisti, pittori e scrittori che ci sono in città – e sono diverse decine – è una cosa assolutamente interessante, fresca, di sicuro impulso per una socializzazione della cultura e delle tecniche.
3) “Porre in sicurezza il quotidiano traffico pedonale dall’Hotel House al centro e viceversa, con l’apposizione di paletti che ne delimitino la zona pedonale, laddove possibile”. Nemmeno nel Libano in guerra terrebbero così una strada che porta centinaia di minori a una scuola: applausi di Marchebbello per un impegno indispensabile.

Cristina Popa va all'Hotel House

La strada per l’Hotel House in un frame di “Homeward Bound” di Giorgio Cingolani e Claudio Gaetani

Marchebbruttezze:
1) Le “sentinelle di quartiere“, per “avviare un servizio di osservazione e vigilanza in diverse zone del loro territorio con l’obiettivo di vicendevole aiuto e per segnalare alla Polizia Comunale o ai Carabinieri situazioni critiche e movimenti di dubbia valenza che potrebbero sfociare a danno di terzi, anziani, donne, minori”. Vero che la crisi lascia tanto tempo libero, ma dando lo spunto ai privati cittadini poi diventa facile, per alcuni, montarsi la testa e fare gli sceriffi con quelli “del sud”, “gli africani”, etc. Chiamare il 113 è un’attività semplice, al limite il Comune potrebbe pubblicizzare altri corsi gratis di krav maga, come già fatto nel quartiere Europa. O corsi teorici per capire come comportarsi in caso di truffe, visite “strane” etc.
2) “Massimo sarà l’impegno nel contrasto del commercio abusivo“: sì, ma come?? Da quando la Municipale è stata assaltata, anni fa, da alcuni ambulanti, abbiamo dato le pistole ai vigili, ma l’andazzo è rimasto immutato. Vorremmo più coraggio e indicazioni per la Polizia Municipale da tutte le liste su questo punto. Perché da qualche parte dovremo incominciare a reprimere. E se non possiamo, lo si dica e si chiedano “rinforzi” da fuori, a livello quantomeno burocratico.
3) Gli impegni “ad hoc” e le proposte che fanno pensare a pacchetti già confezionati coi diretti interessati: la “settimana Olistica”, la “collaborazione con il centro Anni d’Argento, l’Uniporto, il Servizio Sociale Camminiamo insieme, il Pensionato Gervasi”, citazioni per L’Albero Magico e altri. Speriamo sia chiaro a tutti che per legge, dal 2014, non è più possibile, per gli enti, versare contributi a fondo perduto alle associazioni, ergo vorremmo capire se IAG pensa a servizi con bandi di gara (ergo non si capisce il perché di quei nomi), oppure si chiederanno consulenze a gratis, o che altro.

DSC00590

Qualche nota di cronaca. All’incontro in sala Biagetti non si è quasi parlato di edilizia e/o grandi opere – tranne che per un blando richiamo al progettone di recupero/abbattimento dell’Hotel House. Abbiamo chiesto un’intervista a Mozzicafreddo, che rispondendoci è stato “affiancato” da Rosalba Ubaldi, la quale vorrebbe – se abbiamo capito bene – che facessimo un po’ le stesse domande ai vari candidati. Una cosa resa impossibile dal fatto che ognuno degli aspiranti sindaco ha storie diverse per complessità, interessi, impegno politico e precedenti – o no – amministrativi. Mozzicafreddo ha comunque dato il suo assenso all’intervista.

Essendo questo il primo post “istituzionale” in campagna elettorale, nello spirito della par condicioricordiamo che la legge sugli spazi concessi alle liste riguarda radio e tv, mentre la stampa, cui è equiparato il web, deve solo dar conto degli spazi acquistati dalle stesse, e poco più – cominciamo ad offrirvi il link al programma dal sito del Comune, e la lista completa dei candidati.
In fondo al rendiconto del comizio/conferenza stampa abbiamo descritto 3 “marchebbellezze” e 3 “marchebbruttezze” del programma elettorale, secondo il nostro punto di vista. Faremo altrettanto cogli altri, presentazione per presentazione. Nel caso in cui le liste organizzino più di un incontro ci sforzeremo di bilanciare le informazioni, anche considerando i rimbalzi a livello di pura cronaca (quindi se avvengono fatti particolari, battibecchi etc non chiedeteci la “par condicio della zuffa”).

Insieme alla Gente_Lista civica Centrodestra nasce dalla società civile in questa primavera 2016, col contributo di privati cittadini e – ma è giusto dire che la cosa non è ribadita ufficialmente dalla lista – di personalità di Forza Italia e UDC Porto Recanati. La sede è in Corso Matteotti 242/B.

DSC01121

Roberto Attaccalite 68 anni, coniugato con due figli, imprenditore turistico
Salvatore Caruso 38 anni, coniugato con due figli
Silvio Cingolani 55 anni, coniugato con un figlio, maresciallo della Marina Militare in congedo
Giuseppina Citaroni, coniugata, imprenditrice turistica, insegnante
Pierpaolo Fabbracci, 43 anni, celibe, maturità scientifica, dipendente di una struttura sanitaria
Francesca Fanizza Di Giacomo, 37 annni coniugata, laurea in lettere moderne, mamma
Pietro Ferrillo, 57 anni, coniugato con due figli, maresciallo della guardia di finanza in congedo
Emiliano Giorgetti, 37 anni, coniugato con un figlio. Responsabile personale struttura sanitaria
Andrea Giuggioloni, 27 anni, laureato in economia e diritto di impresa, pescatore, celibe
Angela Maria Lupis, 41 anni, coniugata con due figli, maturità scientifica. Impegnata nel sociale
Marco Pantone, 30 anni, ragioniere, celibe. Esperienze calcistiche anche all’estero
Cecilia Ridolfi, mamma di due bambini, impiegata in una struttura sanitaria
Angelica Sabbatini, 38 anni, coniugata con due figli. Diploma perito aziendale, dipendente di una struttura sanitaria
Roberto Sampaolo, 56 anni coniugato con due figli, diploma di ragioneria, lavoratore autonomo
Piergiorgio Toschi, 45 anni coniugato con un figlio, geometra, dipendente pubblico

Rosalba Ubaldi  65 anni, laurea in servizio sociale, coniugata con un figlio, responsabile affari generali di struttura sanitaria


Candidato sindaco Roberto Mozzicafreddo: 65 anni, è già stato assessore a Porto Recanati in due giunte tra il 1980 e il 1990. Dopodiché si è impegnato a lungo nel volontariato.

L’età media non ve la possiamo calcolare – alcuni non l’hanno fornita – i laureati sono 4 su 17.

manifesto.png
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...